gapcom-pos-rgb-payoff.jpeg

Gap Com Srl  |  Via Enrico Toti, 1 - 20025 Legnano (Milano)  |  P.I. e C. F. IT10858700965  |  Privacy  Cookies


facebook
instagram
linkedin

La Diagnosi Energetica per l'efficientamento energetico di un'azienda

2022-09-20 11:50

author

Efficientamento energetico,

La Diagnosi Energetica per l'efficientamento energetico di un'azienda

L’audit energetico è basilare per gli interventi di efficientamento energetico

La Diagnosi Energetica per l'efficientamento energetico di un'azienda

L’audit energetico è basilare per gli interventi di efficientamento

\ \ \

La diagnosi energetica, detta anche audit energetico, è da considerare il primo passo per realizzare e programmare tutti gli interventi di efficientamento energetico. È definita nelle sue caratteristiche dalla direttiva 2006/32/CE, si tratta di affidare ad un esperto in gestione dell’energia, una procedura di analisi mirata a ottenere una più adeguata conoscenza dei consumi energetici di una attività, di un impianto industriale, commerciale o dei servizi pubblici o privati. L’audit energetico si può compiere anche su un edificio e, come per le aziende, il fine sarà individuare le opportunità di risparmio energetico in rapporto ai costi-benefici. Una prima diagnosi energetica viene effettuata per capire il quadro generale dei consumi e costruire le basi (sia procedurali, che informatiche e tecniche) per un corretto approccio alle diagnosi e investimenti successivi.


In Italia la diagnosi energetica è obbligatoria per alcuni ambiti e da effettuare con cadenza quadriennale. Scopriamo tutti i vantaggi del miglioramento energetico connessi ad essa.

\ \ \

Diagnosi energetica obbligatoria per il muiglioramento energetico

L’audit energetico è fondamentale per acquisire consapevolezza dei consumi energetici e comprendere come l’energia elettrica e l’energia termica impattino in modo sostanziale sui costi e processi produttivi dell’azienda. Dopo averla effettuata l’azienda comprenderà con quale strumento intervenire per ridurre gli sprechi, implementare la qualità e l’efficienza della propria produttività.


Le regole per l’esecuzione dell’audit energetico sono dettate dall’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile). Il fine della diagnosi energetica, che si sviluppa in diversi step e nel tempo, è determinare un miglioramento energetico complessivo attraverso la riqualificazione di impianti, interventi di efficientamento che determineranno anche un aumento del valore del contesto risanato.


Questa analisi energetica è obbligatoria in base alla tipologia dell’attività. Secondo la Direttiva UE 212/27 “Misure per la promozione ed il miglioramento dell’efficienza energetica” definita in Italia con il D.lgs. 102/2014, l’obbligo di redigere un Audit Energetico vale per:

 

  • Le Grandi Imprese: ovvero aziende con più di 250 dipendenti, con fatturato superiore ai 50 milioni di euro o con un totale di bilancio annuo superiore ai 43 milioni di euro.
  • Le imprese energivore: dette così perché con un forte consumo di energia per le loro produzioni di almeno 2.4 GWh di energia complessiva.

 

Sono esenti dall’obbligo di invio periodico dei 4 anni invece tutte le PMI che non rientrano in queste grandi macrocategorie e le aziende certificate EMAS, ISO 50001 e/o EN ISO 14001.

\ \ \

L'Audit energetico e l'indice di prestazione energetica

Un processo di Audit Energetico è completo quando dopo aver effettuato l’analisi dei consumi attuali e reali degli impianti e stabilimenti, l’esperto in gestione dell’energia, proporrà poi lo studio dei possibili interventi per migliorare i consumi energetici.
L’obiettivo è individuare l’appropriato indice di Prestazione Energetica per confrontare i valori registrati con quelli del settore di riferimento e degli impianti utilizzati. L’indice di prestazione energetica è lo strumento attraverso cui si individua il reale comportamento e i consumi energetici di un’azienda. Esso è funzionale per decidere gli step di miglioramento da effettuare.


Tra gli interventi successivi all’Audit energetico che si possono ottenere troviamo:

  • La diminuzione dell’incidenza della spesa energetica annuale sul proprio fatturato
  • Lo sviluppo, la gestione e l’ottimizzazione del processo produttivo
  • La diminuzione delle emissioni di gas serra climalteranti
  • Consumare meno energia a parità di qualità e quantità di produzione
  • La razionalizzazione dei flussi energetici interessati
  • Una mappatura delle reali suddivisioni delle attività principali, generali e ausiliari
  • Il miglioramento energetico della sostenibilità ambientale attraverso fonti di energia pulita

\ \ \

Chi può redigere la Diagnosi Energetica?

Il rapporto di Audit Energetico può essere redatto esclusivamente da un soggetto esperto in gestione dell’energia (energy manager) o da organismi certificati da Enti accreditati.


Si tratta, in quest’ultimo caso, di Società come l’E.S.Co. (Energy Service Company), la E.G.E. (Esperto di Gestione dell’Energia) o Auditor Energetici certificati secondo la specifica e relativa normativa tecnica.


L’indagine dei consumi energetici deve essere redatta seguendo i criteri minimi essenziali riportati nella Norma, suddivisa in 4 parti, UNI CEI EN 16247:2012


Quando richiedete uno studio del consumo energetico di un edificio, ad esempio, dovrete sempre tener conto che lo scopo dell’audit è analizzare in modo approfondito la vostra situazione per massimizzare le potenzialità di efficientamento. Per tale motivo è essenziale rivolgersi a dei professionisti: ottenere una diagnosi approfondita significa non solo ottemperare agli obblighi di legge ma individuare i punti critici creando nuove strategie di miglioramento e sviluppo.


Avere risultati puntuali, precisi e attendibili permette di valutare la fattibilità e la convenienza degli interventi nero su bianco, apre le porte alle agevolazioni fiscali correlati all’entità dell’investimento.


L’audit energetico è un passo essenziale delle industrie per trasformare la spesa fissa in fonte di guadagno.


Le imprese italiane oggi hanno numerose opportunità di accedere agli incentivi previsti per ottenere l’efficientamento energetico sia a livello nazionale che regionale come, ad esempio, con i certificati bianchi (titoli negoziabili) o con bandi regionali come quello attivo nella regione Lombardia e valido sino a marzo 2022.


La nostra agenzia Gap Com è specializzata e certificata e vi aiuterà a redigere la migliore diagnosi, puntando un faro sull’andamento dei consumi per ricostruire i cicli produttivi con maggiore consapevolezza ed ecosostenibilità.

Richiedi un incontro di consulenza, il tuo Energy Manager ti ricontatterà al più presto.

Risorse per l'efficienza

Essere tuoi partner significa anche facilitarti nel reperire e consultare e molte informazioni inerenti il panorama dell'innovazione e dell'ottimizzazione energetica per le aziende. Per favorire la presa di consapevolezza sulle opportunità del Green Deal Europeo e delle azioni messe in campo dallo Stato, il nostro team è continuamente al lavoro per realizzare e condividere con te una serie di white paper, guide e infografiche

book-mockup-incentivi-energia-rinnovabile
book-mockup-auto-elettrica
book-mockup-efficientamento-energetico
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder